NEANCHE TU PUOI PAGARE L’AFFITTO?

Scarica, stampa e distribuisci il MANUALE DI AUTODIFESA DAGLI SFRATTI versione gennaio 2022! Oppure sfoglialo qui.

Oltre a questa pagina web, la rete globale usa una chat telegram e un canale telegram a cui invitiamo a partecipare!

/// La crisi causata dal Covid ha acuito il problema della casa e degli affitti, non solo per studenti/esse, precari/e, disoccupati/e, persone sotto sfratto, persone sfrattate o che vivono in occupazione o situazioni informali, ma anche per abitanti di case popolari minacciati dalle cartolarizzazioni, persone in difficoltà con il mutuo, e piccoli proprietari che affittano una casa come fonte di reddito. L’aumento della disoccupazione e la disgregazione sociale legate ai lockdown sta favorendo un’ulteriore concentrazione della proprietà e della ricchezza: i settori già colpiti dalla diseguaglianza abitativa sono trascinati nella miseria, mentre persone che si ritenevano classe media ricorrono al debito e all’usura solo per pagare un affitto. /// DOBBIAMO AGIRE SUBITO PER RIBADIRE CHE LE CASE SONO BENI D’USO E NON STRUMENTI DI SPECULAZIONE.

/// CI SERVE UNA NUOVA LEGGE SULLA CASA E GLI AFFITTI che tuteli chi abita e non chi specula. Abbiamo iniziato a lavorarci qui ///

LO SCIOPERO DEGLI AFFITTI IN 3 MOSSE:

1) INFORMA IL PROPRIETARIO/A che vuoi concordare una RIDUZIONE del canone oppure che NON PUOI PAGARE L’AFFITTO. Molti proprietari preferiscono abbassare il canone che iniziare un procedimento di sfratto. (modello di lettera qui)

2) CONTATTA LE ORGANIZZAZIONI LOCALI attraverso la mail, il telefono e le reti sociali. Le organizzazioni collaborano con i sindacati inquilini per l’assistenza legale, e per includere i casi individuali in un’unica vertenza collettiva per l’annullamento dei canoni. (lista organizzazioni qui)

3) ORGANIZZA LO SCIOPERO NELLA TUA AREA: entra nel canale telegram, scarica il materiale informativo, partecipa ai forum, diffondi le informazioni, stampa e distribuisci i volantini, parla con chi hai intorno e con i collettivi attivi sul territorio. (materiali e risorse qui)


ULTIME AZIONI

 

 

#HousingActionDay2021: video e notizie da Roma, Berlino, Lisbona, Nantes, Colonia, Parigi
ASSEMBLEE E FORUM
13 febbraio 2021 – Forum online su casa e affitti nella crisi
  • REPORT DEL V FORUM DI SABATO 13 FEBBRAIO: https://docs.google.com/presentation/d/1xXmcXQT6pETrt0iYVRVXazI3wYhakmDl2vDF9HrW-Gw/edit#slide=id.gbd2e4bfc28_6_57
  • Abbiamo deciso di partecipare alla mobilitazione globale indetta il 27 marzo dalla European Housing Coalition. Abbiamo elaborato questi cinque punti programmatici su cui lavorare insieme:
    1 – Blocco e cancellazione degli sfratti e del debito legato all’affitto
    2 – Controllo statale sugli affitti (rentcontrol / calmierazione)
    3 – Stop a finanziarizzazione e a contributi pubblici alla grande proprietà immobiliare
    4 – Tassare e penalizzare il vuoto, riuso collettivo delle strutture esistenti
    5 – Tornare al centro, invertire gentrificazione e turistificazione

 

ASSEMBLEE PASSATE

  • ROMA: Dibattito pubblico su casa e affitti nella crisi – 4 forum affitti (presenziale) con ASIA-USB, BPM, Sindicato Inquilini Berlino, La Directa Barcellona. https://www.facebook.com/events/221530679324758
  • Tavola rotonda di venerdì 5 giugno con Tom Slater (geografo), Riccardo Bucci (avvocato, Alterego la fabbrica dei diritti), Maria Vittoria Molinari (Asia Usb), Alessandra Esposito (Sud Europa contro la Turistificazione – Napoli), Sarah Gainsforth, Marco Peverini, Michele De Gregorio, Stefano Portelli, Irene Pace, Giulia Barra, Flavia Sicuriello. REGISTRAZIONE e PDF APPUNTI COMPLETO
  • Assemblea pubblica online di martedì 5 maggio con Paolo Berdini (urbanista), Rossella Marchini (architetta), Luciano Villani (storico), e i nodi RentStrike di San Francisco, Barcellona, Torino, Bologna, Roma, Macerata >> registrazione qui :: evento fb qui :: articolo su RadioSonar

Come altre migliaia di inquilini e inquiline siamo rimasti prive delle nostre fonti di reddito. La crisi sanitaria del COVID-19 e le misure di confinamento, in Italia come in Spagna, USA, UK e altri paesi, hanno portato tantissime persone a dover scegliere tra pagare l’affitto e mangiare, tra pagare l’affitto e vivere. I contributi che arrivano dal governo sono scarsi e accessibili solo ad alcuni/e, e troppe persone si stanno indebitando per garantire la rendita ai proprietari immobiliari. Ma la rendita immobiliare non è un’attività economica essenziale!

Molti piccoli proprietari sono venuti incontro agli inquilini rinegoziando i canoni, ma molti altri non vogliono perdere i loro guadagni, neanche quando sono in gioco la salute e la vita di tantissime persone. Se vogliamo evitare un’ondata di sfratti senza precedenti dopo la fine dell’emergenza Covid-19, dobbiamo creare una rete di mutuo aiuto e condivisione di informazioni.